Sui Lions

La International Association of Lions Clubs inizialmente era solo un sogno di Melvin Jones, un uomo d’affari a Chicago. Era convinto che i club imprenditoriali locali dovrebbero allargare i propri orizzonti al di là delle questioni puramente aziendali e dovrebbero anche occuparsi di migliorare le loro città e il mondo in generale.

Il Business Club di Jones, il Business Circle di Chicago, vide la stessa cosa e dopo aver contattato gruppi comparabili negli Stati Uniti, l’incontro di fondazione ebbe luogo il 7 giugno 1917 a Chicago, Illinois, USA. Il nuovo club prese il nome di uno dei gruppi invitati, l’Associazione dei Lions club. Nell’ottobre del 1917 si tenne la prima convention nazionale a Dallas, in Texas, negli Stati Uniti, e furono adottati statuti, statuti, obiettivi e principi etici. Uno dei principi dei primi anni era “nessun club dovrebbe mirare ad arricchire finanziariamente i propri membri”. Questa richiesta di aiuto altruistico per gli altri è ancora oggi uno dei principi più importanti dell’associazione. Dopo soli tre anni, il primo club internazionale dell’associazione è stato fondato in Canada nel 1920.

Negli anni ’50 e ’60, sempre più club emersero in tutto il mondo, specialmente in Europa, Africa e Asia. Helen Keller ha invitato i Lions a diventare “Knights of the Blind in the Crusade Against Darkness” alla loro convention internazionale a Cedar Point, Ohio. Da allora, i Lions sono stati attivamente coinvolti nell’aiutare i non vedenti.

Il Lions Clubs International ha acquisito un’importanza internazionale ancora maggiore grazie al supporto delle Nazioni Unite nella creazione del dipartimento per le ONG (organizzazioni non governative) nel 1945 e continua a fornire consulenza alle Nazioni Unite. Nel 1990, i Lions hanno lanciato la loro più grande offensiva contro la cecità: SightFirst. Il programma da 202 milioni di dollari è impegnato nella lotta alla cecità prevenibile e reversibile fornendo cure mediche urgenti. I Lions hanno lanciato la campagna SightFirst II per raccogliere almeno 150 milioni di USD per continuare ed espandere il lavoro straordinario di SightFirst.

Oltre a lavorare contro la cecità, Lions Clubs International è anche fortemente impegnato nella gioventù, nella protezione ambientale, nella costruzione di case per disabili, nell’offerta di educazione sul diabete e nei programmi per i non udenti e nel fornire assistenza in caso di calamità in tutto il mondo attraverso la sua fondazione. Oggi Lions Clubs International conta quasi 1,3 milioni di soci, uomini e donne, in 45.000 club in 200 paesi e regioni.

Aiuta gli altri

Al congresso internazionale Lions del 1925, Helen Keller chiamò i Lions a “Cavalieri dei ciechi nella crociata contro l’oscurità”. Da allora, i progetti di aiuto per non vedenti e ipovedenti hanno guadagnato il riconoscimento dei Lions club di tutto il mondo. Oggi i Lions si impegnano a mantenere la vista a livello locale.

A livello internazionale, la cecità viene combattuta con il programma SightFirst. I Lions raccolgono e riciclano gli occhiali per le persone nei paesi in via di sviluppo tutto l’anno, ma raddoppiano gli sforzi a maggio, il mese del riciclo per la vista e ad ottobre, mentre i Lions celebrano la loro Giornata mondiale della vista il secondo giovedì di ottobre commettere.

I Lions sono anche molto impegnati con i giovani attraverso i loro numerosi programmi per i giovani. Si impegnano a proteggere l’ambiente, a costruire case per disabili, a fornire educazione sul diabete, programmi per l’udito e assistenza in caso di calamità in tutto il mondo attraverso la Fondazione Lions Clubs International (LCIF). Secondo un recente rapporto sui Lions club di tutto il mondo, si stima che i Lions club spendano circa $ 449 milioni all’anno e 76 milioni di ore del loro tempo.

Ciò corrisponde a oltre 31.000 lavoratori che lavorano a tempo pieno durante tutto l’anno.

La International Association of Lions Clubs inizialmente era solo un sogno di Melvin Jones, un uomo d’affari a Chicago. Era convinto che i club imprenditoriali locali dovrebbero allargare i propri orizzonti al di là delle questioni puramente aziendali e dovrebbero anche occuparsi di migliorare le loro città e il mondo in generale. Il Business Club di Jones, il Business Circle di Chicago, vide la stessa cosa e dopo aver contattato gruppi comparabili negli Stati Uniti, l’incontro di fondazione ebbe luogo il 7 giugno 1917 a Chicago, Illinois, USA.

Il nuovo club prese il nome di uno dei gruppi invitati, l’Associazione dei Lions club. Nell’ottobre del 1917 si tenne la prima convention nazionale a Dallas, in Texas, negli Stati Uniti, e furono adottati statuti, statuti, obiettivi e principi etici. Uno dei principi dei primi anni era “nessun club dovrebbe mirare ad arricchire finanziariamente i propri membri”. Questa richiesta di aiuto altruistico per gli altri è ancora oggi uno dei principi più importanti dell’associazione.

Dopo soli tre anni, il primo club internazionale dell’associazione è stato fondato in Canada nel 1920. Negli anni ’50 e ’60, sempre più club emersero in tutto il mondo, specialmente in Europa, Africa e Asia. Helen Keller ha invitato i Lions a diventare “Knights of the Blind in the Crusade Against Darkness” alla loro convention internazionale a Cedar Point, Ohio. Da allora, i Lions sono stati attivamente coinvolti nell’aiutare i non vedenti e i non vedenti. Il Lions Clubs International ha acquisito un’importanza internazionale ancora maggiore grazie al supporto delle Nazioni Unite nella creazione del dipartimento per le ONG (organizzazioni non governative) nel 1945 e continua a fornire consulenza alle Nazioni Unite.

Nel 1990, i Lions hanno lanciato la loro più grande offensiva contro la cecità: SightFirst. Il programma da 202 milioni di dollari è impegnato nella lotta alla cecità prevenibile e reversibile fornendo cure mediche urgenti. I Lions hanno lanciato la campagna SightFirst II per raccogliere almeno 150 milioni di USD per continuare ed espandere il lavoro straordinario di SightFirst. Oltre a lavorare contro la cecità, Lions Clubs International è anche fortemente impegnato nella gioventù, nella protezione ambientale, nella costruzione di case per disabili, nell’offerta di educazione sul diabete e nei programmi per i non udenti e nel fornire assistenza in caso di calamità in tutto il mondo attraverso la sua fondazione. Oggi Lions Clubs International conta quasi 1,3 milioni di soci, uomini e donne, in 45.000 club in 200 paesi e regioni.

Aiuta gli altri

Al congresso internazionale Lions del 1925, Helen Keller chiamò i Lions a “Cavalieri dei ciechi nella crociata contro l’oscurità”. Da allora, i progetti di aiuto per non vedenti e ipovedenti hanno guadagnato il riconoscimento dei Lions club di tutto il mondo. Oggi i Lions si impegnano a mantenere la vista a livello locale. A livello internazionale, la cecità viene combattuta con il programma SightFirst. I Lions raccolgono e riciclano gli occhiali per le persone nei paesi in via di sviluppo tutto l’anno, ma raddoppiano gli sforzi a maggio, il mese del riciclo per la vista e ad ottobre, mentre i Lions celebrano la loro Giornata mondiale della vista il secondo giovedì di ottobre commettere. I Lions sono anche molto impegnati con i giovani attraverso i loro numerosi programmi per i giovani.

Si impegnano a proteggere l’ambiente, a costruire case per disabili, a fornire educazione sul diabete, programmi per l’udito e assistenza in caso di calamità in tutto il mondo attraverso la Fondazione Lions Clubs International (LCIF). Secondo un recente rapporto sui Lions club di tutto il mondo, si stima che i Lions club spendano circa $ 449 milioni all’anno e 76 milioni di ore del loro tempo. Ciò corrisponde a oltre 31.000 lavoratori che lavorano a tempo pieno durante tutto l’anno.

Linons Club International

News und Events

20 anni di supporto

L'host Lions Club Merano ha donato alla Vinzenzverein Maria Himmelfahrt Merano per 20 anni. Come parte della festa di Natale in un hotel, è stata effettuata una raccolta, i membri del Lions Club hanno messo la somma raccolta a disposizione del Vinzenzverein. Fu un...

read more

Gara delle papere – Merano 2020

La gara delle papere diventa digitale Buone notizie: la famosa gara dell'anatra di Merano può svolgersi quest'anno nonostante l'allenamento a secco Covid-19. Il nuoto di anatre sponsor e anatre fortunate si svolge quest'anno come una gara virtuale su Internet. Il...

read more

Pin It on Pinterest

Share This

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close